Siti Archeologici      Struttura antiche Strade      Antiche rovine via G. Donati Via Nomentana Antica
Torna a inizio pagina

 

Via Nomentana Antica

 

Usciva dalla omonima porta a un solo fornice delle mura aureliane e raggiungeva dopo XIV miglia Nomentum, città dalla quale prende il nome. Fiancheggiata da numerosi monumenti funerari - tra i quali ricordiamo la tomba di Nicomede, le catacombe ebraiche all'interno di Villa Torlonia , il complesso monumentale di S. Agnese con il cimitero, la Basilica e il Mausoleo di Costanza - raggiungeva l'Aniene che superava con il ponte Nomentano.
 
Dopo il ponte, la strada, delimitata da due mausolei ancora visibili, proseguiva attraverso la collina di Monte Sacro scendendo poi verso il Fosso della Cecchina, proseguiva lungo la dorsale collinare fino all'attuale limite comunale, con un tracciato che è seguito all'incirca da quello moderno. Sono visibili al Km 9,200 il sepolcro in laterzio, cosiddetto Torraccio della Cecchina, un tratto del basolato al Km 12, presso un'area di servizio, la basilica di S. Alessandro con annesso cimitero sotterraneo, al Km 13 e, al Km 13,650, sulla sinistra, un sepolcro romano sul quale si impostò, nel XIII secolo la Torre di Castiglione nota come Torraccio di Capobianco.

 

 

     MAPPA GRUPPO C
 
siti archeologici
Cerca su Roma Tiburtina con Google